• Emilio

EDMOND TAPSOBA - DAL BURKINA FASO UN DIFENSORE MODERNO

Se tutta la popolarità, ad oggi, è giustamente concentrata sull'altro classe '99 Kai Havertz, in casa Leverkusen un occhio di riguardo deve averlo anche questo ragazzo africano. Sta crescendo un nuovo difensore moderno in Bundesliga?

Edmond Faiçal Tapsoba nasce il 2 febbraio del 1999 a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso. L’omonima squadra della sua città lo preleva nel 2015 dalle giovanili del Salitas FC. Ben nota è la grossa conoscenza e la fitta rete di osservatori dei club portoghesi nell’Africa, a dimostrazione i continui talenti del terzo continente (per vastità) che passano per la terra lusitana, tra cui proprio Edmond. Pochi mesi dopo, infatti, viene notato, diciottenne, dal Leixoes, squadra di seconda serie portoghese. Quando si trasferisce a titolo definitivo in Portogallo, Tapsoba ha curiosamente già esordito tra i professionisti con la maglia della sua nazionale, pur non avendo mai messo piede in campo con la prima squadra del suo club.

Stesso destino che gli tocca nelle prime due stagioni nella penisola iberica. Transita prima per la squadra B degli Heròis do Mar e poi, l’anno successivo, per quella del Vitoria Guimaraes. Qui, però, le sue prestazioni toccano un livello tale da non essere più ignorabili: 30 presenze e 7 gol gli sono valsi la chiamata “tra i grandi” per l’inizio di questa stagione.

Proprio quando sembrava destinata ad assestarsi, la parabola esponenziale della carriera di Tapsoba è diventata ancora più ripida: 32 presenze e 9 gol nei primi sei mesi in un campionato maggiore. Numeri e prestazioni che hanno attirato l’attenzione di tutti i talent scout, grazie anche alla vetrina dell’Europa League: ecco che, all’ultimo giorno del mercato di riparazione, il Leverkusen è arrivato a bussare alla porta con la chiara intenzione di portarlo immediatamente in Renania.

In nazionale, con il Burkina Faso, ha esordito il 24 agosto 2016 all'età di 17 anni, disputando l'amichevole persa 1-0 contro l'Uzbekistan.


DOTI FISICHE

Tapsoba ha la stazza dalla sua (192 cm per 80 kg circa), il che lo rende un osso durissimo negli scontri aerei, ma non è il classico gigante di pietra: alla forza abbina la capacità di muoversi in maniera rapida, sia nel breve che quando deve allungare lo scatto. Questo gli permette di poter provare l’anticipo sulle ripartenze avversarie senza aver paura di coprire lo spazio alle sue spalle qualora non dovesse andare a buon fine, oltre a rendergli comode le diagonali difensive.


DOTI TECNICO TATTICHE

Tapsoba è dotato di buona tecnica, piede destro molto educato con il quale fa partire spesso e volentieri la fase di possesso dal basso della propria squadra con passaggi al compagno più vicino ma anche con lanci lunghi ben calibrati. Forte e deciso nei contrasti aerei, che deve però migliorare cercando di essere più cattivo agonisticamente. Ottima la capacità di posizionarsi e chiudere in anticipo i passaggi filtranti o cross avversari. Difensore centrale, Tapsoba può giocare sia centrosinistra che centrodestra anche se viene spesso impiegato a sinistra. Può giocare sia in una difesa a 3 che in una difesa a 4.




FASE DI POSSESSO

In fase di costruzione bassa Tapsoba è spesso incaricato di far partire l'azione grazie al suo destro educato e alla sua tranquillità nel decidere la giocata migliore, lucido nei passaggi, non prende quasi mai rischi pesanti, ma riesce a far circolare la palla in maniera veloce e pulita come il suo allenatore richiede, non disdegnando di uscire da portatore di palla a testa alta. Nel Vitòria Guimarães, sua precedente squadra, la costruzione dal basso prevedeva che i 2 esterni si alzassero sulla linea laterale quasi in linea con gli attaccanti e Tapsoba era incaricato di lanciare la palla proprio in quella zona di campo, gesto che compiva con estrema facilità e precisione. Nel Bayer Leverkusen il modo di giocare e impostare l'azione è diverso dalla squadra portoghese, e seppur la prima palla dal basso viene giocata spesso da Tapsoba, quest'ultimo deve appoggiarla poi ai 2 centrali di centrocampo (Demirbay o Aranguiz), in alcune occasioni comunque cerca la palla lunga per i 2 esterni o le 2 punte.


Si rende pericoloso in situazioni di calci piazzati offensivi dove riesce a smarcarsi con facilità e prendere i tempi giusti per colpire a rete di testa. Inoltre sa calciare molto bene i rigori con un tiro forte e angolato.



FASE DI NON POSSESSO

Tapsoba è un ottimo marcatore, sempre attento e lucido nello scegliere i tempi di intervento o di anticipo sull'avversario che compie con interventi decisi e puliti. Ottimo senso della posizione che gli permette di leggere in anticipo le giocate e di aiutare i compagni nelle chiusure o diagonali. Grazie alla sua facilità di corsa riesce ad inseguire gli attacchi avversari anche in situazione di lanci alle spalle. Bravo a contrastare anche su palle aeree in situazioni di piazzati a sfavore o cross/traversoni, situazione nelle quali deve comunque migliorare sotto l'aspetto della cattiveria. In alcune situazioni infatti va a contrastare con poca aggressività e seppur riesce a colpire la sfera, quest'ultima rimane in zona pericolosa dove un compagno deve terminare la difesa calciandola lontana. Forte nei contrasti uno contro uno frontali, dove è difficile da dribblare grazie alla propria stazza fisica e precisione negli interventi.




DOTI CARATTERIALI

Una delle caratteristiche più straordinarie del difensore africano è sicuramente la capacità di non farsi mai schiacciare (almeno all’apparenza) dalla pressione. Neanche al suo esordio in Bundesliga, contro il Borussia Dortmund, quando Peter Bosz lo ha incaricato di marcare Haaland, che arrivava a quella partita forte di 7 gol nei primi 126 minuti della sua esperienza tedesca. Il risultato è stata una prestazione di personalità, in una difesa a 3 completata da Sven Bender e Jonathan Tah, che ha annullato il norvegese e portato il Leverkusen alla vittoria per 4-3. In campo mostra sempre una tranquillità e una personalità disarmanti che gli permettono di essere sempre lucido e reattivo nella scelta delle giocate sia difensive che offensive, rendendole facili e effettuate con una calma da giocatore esperto.


VALUTAZIONE FINALE E DI PROSPETTIVA

Il giocatore africano si sta mettendo in mostra nel club tedesco con prestazioni ottime e di livello. Si sta già alludendo ad un paragone con Jerome Boateng in quanto a fisico e doti tecnico tattiche. Acquistato dal Vitòria Guimarães a gennaio per 18 milioni di euro, dopo le prestazioni dei primi mesi in Renania il costo del cartellino potrebbe già essere raddoppiato, permettendo in futuro al Bayer di fare una buona plusvalenza. Tapsoba oggi è il classico prototipo del difensore moderno: dinamico, fisico e con un piede educato che gli permette di far partire l'azione dal basso e impostare l'azione. Dovrà migliorare sotto l'aspetto della cattiveria agonistica, e di conseguenza nei duelli aerei in fase difensiva, dopodiche avrà tutte le carte in regola per permettergli, probabilmente, nel prossimo futuro, di essere osservato con attenzione da molti club europei, anche importanti.

Il Bayer Leverkusen ha in casa un classe 1999 dal prospetto interessante, e se tutti gli occhi del mondo calcistico ad oggi sono puntati, giustamente, su Kai Havertz, bisognerà prestare molta attenzione anche a questo ragazzo africano.


PUNTI DI FORZA

+ CONCENTRAZIONE

+ MARCATURA

+ POSIZIONE


PUNTI DEBOLI

+ CATTIVERIA AGONISTICA

+ DUELLI AEREI IN FASE DIFENSIVA


VOTO: 7



159 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti