• Diego Chiavacci

Giocatori emergenti italiani - Paolo Ghiglione

Il classe ’97 Vogherese rappresenta per caratteristiche quello che é lo stereotipo dell’esterno di centrocampo a tutta fascia, adatto a moduli base con difesa a tre. Spicca per facilità di corsa e doti tecniche che lo rendono un ottimo assist manPRESENTAZIONE GIOCATORE

Paolo Ghiglione è un esterno destro a tutta fascia, attualmente in carica al Genoa di mister Davide Nicola. Nasce a Voghera il 2 febbraio 1997, ed è lì che inizia a dare i primi calci al pallone, alla tenera età di sei anni. Da piccolo il suo ruolo era più avanzato, giocava come attaccante; si è sempre distinto per doti tecniche e una buona vena realizzativa. Il suo talento comincia ben presto a farsi conoscere in Lombardia e tutte le società professionistiche iniziano a mettergli gli occhi addosso. La prima a muoversi è il Milan, che lo ingaggia all’età di dieci anni; gioca per i rossoneri fino alla categoria degli allievi, e dopo una breve parentesi in prestito al Pavia, si trasferisce al Genoa. A Genova gioca fino alla categoria della primavera, per ben 4 anni, per poi iniziare un giro di prestiti in cerca della maturità calcistica. Per la stagione 2016/17 si trasferisce a titolo temporaneo in serie B alla Spal; l’anno successivo, sempre nella serie cadetta, nella Pro Vercelli e per terminare, lo scorso anno ha giocato per la prima volta in Serie A, nel Frosinone. Per quest’anno la società del grifone ha scelto di puntare su di lui, con ottimi risultati; da inizio anno ha collezionato 5 assist, fornendo un ottimo rendimento nella posizione esterno destro a tutta fascia nel centrocampo a 3 o a 4. Durante questa stagione è dunque passato da un momento iniziale di forma strepitosa a uno di carente rendimento, piuttosto fisiologico visto che il classe 97 è solo al secondo anno in Serie A, ancora in tempo per crescere sul piano della continuità.



DOTI ATLETICHE

Ghiglione é un calciatore atleticamente molto prestante, dispone di un’ampia falcata e quindi grande facilità di corsa a campo aperto; meno capace nelle corte distanze in cui riesce comunque a dire la sua, questo é dovuto dal fatto che ha il baricentro piuttosto alto ed una muscolatura poco prestante negli arti inferiori. Ha una grande resistenza che, unita alla dote della corsa, lo facilita a coprire con facilità tutta la fascia di competenza. L’aspetto fisico in cui deve migliorare é sicuramente quella della muscolatura; oltre ad uno sviluppo degli arti inferiori, che gli permetterebbe di aumentare la reattività nei primi metri e negli stacchi aerei, deve migliorare nella struttura superiore, poiché non sono poche le occasioni in cui soffre gli spalla a spalla con avversari.


DOTI TECNICO TATTICHE

É un giocatore molto duttile e intelligente tatticamente, sa calarsi con grande facilità nelle varie situazioni di gioco in cui si trova. Può giocare come esterno di centrocampo su entrambi le fasce, sicuramente meglio a destra che a sinistra, dato che che il suo piede preferito é il destro. Può fare l’esterno a centrocampo sia con una difesa a tre alle spalle, dove lo stiamo vedendo impiegato in questa stagione; oppure in una difesa a quattro, con minori mansioni difensive e più occasioni per arrivare al cross. É un ottimo crosssatore, capace di sfornare traversoni tagliati verso l’area anche in situazioni di difficoltà; riesce a far partire grandi cross da tutte le zone della fascia, anticipando la difesa e calciando dalla trequarti esterna, dall’altezza del limite dell’area oppure dal fondo del campo. Ha sia un buon dribbling che un buon tiro, discreta capacità di fraseggio e ottimi lanci lunghi; frutto di tanti anni giocati come attaccante. L’aver giocato fino a qualche anno fa come attaccante, quasi sempre esterno, lo sta svantaggiando in molti episodi in fase difensiva, infatti, non essendo molto esperto da questo punto di vista, si permette qualche sbavatura di troppo in marcatura oppure rimane troppo avanzato in situazioni in cui deve essere più vicino ai propri difensori. Migliorando in fase difensiva potrebbe diventare anche un egregio terzino.

Grande cross di prima, ricevendo palla direttamente da calcio d'angolo; la sfera casca sul secondo palo da dove segna Zapata


Dribbling sul terzino di competenza e una volta liberatosi effettua un cross dal fondo per Pinamonti


Cross tra linea difensiva e portiere, situazione che Ghiglione riesce a sfruttare con frequenza quando vede lo spazio giusto.



DOTI CARATTERIALI

Ghiglione é un ragazzo molto umile e di carattere molto mite. Rimane sempre molto concentrato sulla partita senza farsi distrarre da provocazioni o eventuali situazioni di forte nervosismo. La sua calma si nota molto dal timido linguaggio del corpo ed anche da alcune situazioni fuori dal campo, tipo le interviste post partita, dove trasmette sempre molta freddezza e tranquillità. In alcune situazioni sembra essere un po’ troppo timido, ad esempio nell’ultima partita casalinga con la Juventus, in cui sembrava leggermente condizionato dalla superiorità dell’avversario.


VALUTAZIONE FINALE e DI PROSPETTIVA

Il classe ’97 Vogherese rappresenta per caratteristiche quello che é lo stereotipo dell’esterno di centrocampo a tutta fascia, adatto a moduli base con difesa a tre. Spicca per facilità di corsa e doti tecniche che lo rendono un ottimo assist man; deve sicuramente migliorare in fase difensiva, un aspetto che deve ancora conoscere appieno visto che fino a pochi anni fa giocava in posizione più avanzata, sulla linea degli attaccanti. Oltre alla fase difensiva potrebbe anche incrementare la muscolatura negli arti superiori, ancora un po´ carente. Dopo questa stagione, nel complesso positiva a livello personale, potrebbe già trasferirsi e andare via da Genova, specialmente se il grifone non riuscirà a rimanere in Serie A. Può confermarsi ad alti livelli nella massima categoria italiana, potendo anche trovare spazio in azzurro nel futuro, vista anche la mancanza di terzini destri italiani; per ricoprire questa posizione, il miglioramento per quanto riguarda la fase difensiva diventa essenziale.

PUNTI FORTI

  1. Facilità di corsa per coprire tutta la fascia

  2. Cross

  3. Intelligenza tattica

PUNTI DEBOLI

  1. Fase difensiva

  2. Poca fisicità

Voto: 6,7

Di Diego Chiavacci



76 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti