Lottiamo per vincere!



In questi mesi abbiamo vissuto un periodo particolare sotto tutti i punti di vista.

Andare in giro con mascherina e guanti,

entrare scaglionati nei supermercati,

girare in macchina e portarsi dietro l'autocertificazione come ai domiciliari,

accendere la Tv la domenica e rivedersi le partite vecchie perché il calcio si era fermato,

non poter andare a prendersi una boccata d'aria sana.

Sì, è stato strano ma questo maledetto virus ci ha messi in ginocchio uno a uno, come se ci stesse dicendo "Smettiamola di sfidare la natura", ci ha fatto capire tante belle cose però.

Ma lo ribadisco sempre, dietro ogni cosa ci sono i pro e i contro, ricordiamo che la medaglia ha due facce.

Ci ha fatto riscoprire la casa,

ci ha insegnato a cucinare,

ci ha insegnato che nulla è impossibile,

ci ha insegnato che davanti ad una pandemia non ci sono scuse che tengono,

ci ha insegnato a stare in famiglia e goderci quel che si ha.


Adesso ci siamo, siamo prossimi a rivedere il calcio, sarà un calcio diverso, vedere gli stadi vuoti mi viene il magone sono a pensarci, ma la salute vien prima di tutto. I giocatori saranno motivati, mancano un bel po' di partite, chi vincerà questo campionato non lo sappiamo, l'unica cosa che siamo certi è che questo problema che pian piano si è preso parte di noi, cambierà anche il calcio, se in bene o il male non so ma ho questa convinzione.

Anche gli orari delle partite saranno completamente diversi, l'estate è vicina, il caldo non risparmierà nessuno.

Adesso bisogna fare l'ultimo sforzo per sconfiggere il virus, dobbiamo salire l'ultimo gradino,

il gradino più alto,

il gradino più impervio,

il gradino dell'Olimpo o del baratro,

su o giù, la via di mezzo la lasciamo alle spalle, sul forse ci siamo rimasti troppo, adesso è arrivato il momento di gridare al mondo che l'Italia ce l'ha fatta.



14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti